Il progetto si rivolge a quegli insegnanti della scuola primaria e secondaria inferiore che sono interessati all’educazione all’etica o ai valori, come per esempio religione o filosofia, storia o educazione civica. Il rapporto del Consiglio Europeo pubblicato nel 2015 e l’azione ET2020 pongono l’enfasi sul fatto che l’insegnamento deve salvaguardare i valori umani e civici, e trasferirli alle generazioni future, per promuovere la libertà di pensiero e di espressione, l’inclusione sociale e il rispetto per gli altri, come pure prevenire ogni forma di discriminazione, rafforzando l’insegnamento e l’accettazione dei valori fondamentali e aprendo la strada a una società maggiormente inclusiva, avviando azioni finalizzate a questo scopo sin dalla più tenera età.

Poiché in Europa la composizione della nostra società sta diventando sempre più complessa, è importante che i bambini e i giovani abbiano l’opportunità di apprendere il valore sociale della diversità, sia religiosa, che di genere, di etnia o di ogni altra forma.

L’educazione all’etica gioca un ruolo fondamentale nel costruire una democrazia che rispetti la diversità, in quanto si propone di favorire la comprensione delle differenze tra i nostri modi di pensare, evidenziando quali sono gli aspetti comuni. L’etica, sviluppando il ragionamento critico e i valori, sviluppa il senso di responsabilità personale, favorendo così il bene comune.

Nonostante queste premesse, non esiste ancora nessuna rete europea per l’educazione all’etica, e anche le esperienze esistenti sono molto diverse tra loro. Le possibilità offerte per l’aggiornamento professionale degli insegnanti sono limitate e spesso affidate a organizzazioni simili ai partner del progetto LITTLE. Talvolta sono invece affidate a corsi di formazione di natura religiosa.

Alcuni partner del progetto hanno già condotto nel 2013 un’analisi dei fabbisogni, che ha mostrato come il 60% dei 120 docenti intervistati ritenga di non sentirsi preparato a insegnare tematiche etiche, perché non è stato formato in modo adeguato per farlo.

Gli insegnanti hanno sottolineato che vorrebbero “linee guide pedagogiche, strumenti e materiali, per esempio come presentazioni powerpoint, video, animazioni e giochi di ruolo, sia in formato digitale che su carta”. LITTLE cerca di rispondere a tali richieste, sviluppando una Guida per gli insegnanti e un corso online sulle metodologie per l’educazione all’etica.

La diversità degli approcci usati per l’educazione all’etica in Europa fa sì che ci siano limitazioni nella predisposizione di strumenti comuni, che rischiano di essere poco utilizzati in alcuni contesti scolastici. Occorre quindi guidare gli insegnanti a sviluppare i propri materiali, adattandoli alle necessità personali e a quelle dei propri studenti.

Nonostante la varietà di contesti nei quali viene applicata l’educazione all’etica, LITTLE trae beneficio dal suo approccio transnazionale, che permette di garantire che le opportunità di formazione proposte non siano limitate ad un solo paese, ma si basino su esperienze di numerosi paesi, condividendo le buone pratiche individuate in ognuno di essi. In questo modo gli insegnanti possono guardare al di là dei confini della propria classe e paese, per scoprire come i loro colleghi si sono comportati in situazioni simili. LITTLE contribuisce così a una migliore comprensione del ruolo che l’educazione all’etica può assumere per raggiungere gli obiettivi dell’iniziativa europea ET2020.

Print Friendly